MARINAIO di Giuseppe RUSSO

MARINAIO  di  Giuseppe  RUSSO
 

"MARINAIO" di Giuseppe RUSSO

"Marinaio
guarda sempre l'orizzonte,
ascolta il sibilo del vento e
accogli il sussurro del mare.
Là, dove non arriva più il tuo sguardo,
si celano sorprese.
La, dove non si ode più il sibilo del vento,
accadono tragedie.
Là, dove il mare non sussurra più agli uomimi,
la ragione ha ceduto il passo alla follia"

poesia tratta dal LIBRO-RIVELAZIONE 
"I CADUTI di PIETRA" reperibille a questo link

http://ww4.photocity.it/Vetrina/DettaglioOpera.aspx…

La poesia è stata composta dall'autore mentre osservava lo sguardo del padre in divisa sull'Empire State Building, che guardava l'orizzonte.